“Siamo pronti per il futuro!”

Snowfactory è uno dei generatori di neve più versatili tra quelli proposti da TechnoAlpin. Dalla creazione di una speciale atmosfera invernale, alla garanzia dello svolgimento dei campionati mondiali FIS/IBU e ai test in ambito industriale, Snowfactory viene utilizzata ogniqualvolta sia necessario generare neve a una temperatura al di sopra del punto di congelamento. Questa macchina non è concepita per sostituirsi ai generatori di neve tradizionali; è piuttosto pensata come integrazione, per consentire a TechnoAlpin di offrire a ciascun cliente la giusta soluzione d’innevamento. Il product manager Benjamin Pötz lavora presso TechnoAlpin dal 2009 e afferma con convinzione: “Anche nel 2020, nonostante la difficile situazione pandemica, siamo riusciti a dimostrare che Snowfactory è in grado di gestire qualsiasi difficoltà e a risolvere tutti i problemi dei nostri clienti”.

L’Estonia si affida alla Snowfactory

La sicurezza di pianificazione è uno dei principali fattori che spingono le aree sciistiche ad acquistare una Snowfactory. L’impiego supplementare di questo generatore è garanzia di apertura. L’area sciistica di Klante in Winterberg (DE) 2020, ad esempio, ha ampliato la sua flotta con quattro Snowfactory, riuscendo così a garantire un avvio di stagione sicuro prima di Natale. Nell’ultimo anno, anche le aree sciistiche di Le Bresse (FR) e Charmey (CH) hanno deciso di acquistare una Snowfactory.

Nell’ambito dello sci nordico, il 2020 ha portato a TechnoAlpin e a Snowfactory un nuovo cliente. Thvandi Sports Center, con sede in Estonia, ha infatti subito il fascino di Snowfactory e oggi si affida alla potenza dell’SF210 per garantire agli appassionati di sport invernali l’apertura delle piste di fondo e dei trampolini di lancio.

A livello mondiale sono già stati installati 67 sistemi Snowfactory permanenti di TechnoAlpin, cui si aggiungono numerose installazioni temporanee. “Ma la cosa che ci rende più felici è il fatto di poter risolvere problemi che hanno afflitto per anni i nostri clienti”, afferma orgoglioso Benjamin Pötz. Il product manager guarda con fiducia al futuro: “Sono convinto che l’esperienza degli ultimi anni, insieme alla giusta dose di creatività, ci permetterà di percorrere nuove strade e di individuare nuove soluzioni. Per quanto mi riguarda, non sto più nella pelle”. 

archivio notizie