Un successo indiscutibile per Snowfactory

Nel corso delle stagioni, Snowfactory, uno strumento sviluppato e proposto da TechnoAlpin ormai da alcuni anni, si è dimostrato un valido elemento con cui integrare gli impianti di innevamento convenzionali, garantendo così una maggiore efficacia agli operatori delle aree sciistiche. Questa tecnologia permette di produrre neve superando eventuali difficoltà esterne, soprattutto la temperatura dell’aria. Centri di sci nordico oppure piste a bassa-media quota... Sono davvero molte le possibili applicazioni d’uso nonché i vantaggi per un’area sciistica.

Snowfactory è in grado di garantire la produzione di grandi scorte in vista dell’inizio della stagione, quando i generatori di neve convenzionali non riescono a produrre neve in assenza di basse temperature. La neve generata consente agli operatori di preparare lo strato inferiore sulle piste in modo da garantire una copertura nevosa della stazione di partenza o delle aree ricreative. Snowfactory, quindi, offre una garanzia ulteriore consentendo di aprire in anticipo le piste, all’inizio della stagione, e soddisfacendo le esigenze degli appassionati di sport invernali.

Snowfactory sta registrando un successo notevole in molti paesi. È il caso, per esempio, della Francia, dove il comprensorio di Châtel (Alpi francesi settentrionali) ha appena acquistato un secondo macchinario, un modello mobile SF100, dopo aver già investito nel primo modello nel 2017, ribattezzato “Snow Farmer” proprio per l’occasione. Questa seconda unità verrà usata per assicurare la produzione di neve nel settore di Super Châtel e soprattutto nelle aree dedicate a principianti e bambini. È quindi a tutti gli effetti uno strumento per garantire la massima sicurezza operativa per la fascia di clientela più giovane dei comprensori sciistici.

Nel 2019, molti altri operatori delle aree sciistiche hanno preso l’importante decisione di affidarsi alla nostra esperienza per completare il proprio assortimento di dispositivi di produzione della neve con Snowfactory, sia con unità mobili che fissi. Nel novero rientrano anche i comprensori di Gleenshee (Gran Bretagna) con un doppio modello SF210, Ski Apache (USA) con un’unità mobile SF100 e Kurza Gora (Polonia), che ha optato per due modelli SF210 in modo da poter contare su una considerevole capacità produttiva.

Un altro esempio degno di nota è la regione di Winterberg (Germania), dove il vicino comprensorio sciistico Poppenberg e l’impianto di skilift Klante concentreranno 5 grandi unità SF210. 3 di queste sono già installate a Poppenberg ormai da qualche stagione, mentre le altre 2 unità verranno messe in servizio a Klante a partire da dicembre.

Grazie alle numerose soluzioni tecnologiche come Snowfactory, TechnoAlpin è molto orgogliosa di riuscire a risolvere le problematiche legate alla produzione di neve che vengono riscontrate dagli operatori delle aree sciistiche.

archivio notizie